Cooperazione per lo sviluppo agricolo: ALOE VERA - Ora Veglia 0nlus

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cooperazione per lo sviluppo agricolo: ALOE VERA

ATTIVITA' e PROGETTI > Progetti in corso



REPORT DI MONITORAGGIO


Coinvolgimento di nuovi beneficiari per favorire l’estensione della coltivazione di Aloe.


All’inizio di ottobre nel quadro del progetto e in accordo con il partner locale JEPA è stato avviato un dialogo con altre associazioni di possibili nuovi beneficiari, con un focus particolare sulle donne.
L’obiettivo di questo “scouting” è stato duplice:
1. coinvolgere altri beneficiari nel progetto aloe, in particolare le donne che spesso si dimostrano più attive degli uomini nei processi di sviluppo;
2. avere parcelle pilota in altre zone pedoclimatiche, per poter sperimentare la crescita dell’Aloe Vera in differenti contesti agro ecologici, e lasciare in tal modo al governo giordano una più completa analisi sulla sostenibilità e rendita di questa nuova filiera produttiva.
Siamo riusciti a concretizzare rapidamente il coinvolgimento di un’associazione femminile, costituita da 48 donne, la cooperativa “Al Yuser Akhayriat”, nelle campagne di Mafraq, al confine con la Siria.
La presidentessa della cooperativa, Fatima Al Masaed ha dimostrato dinamismo ed entusiasmo sin dal primo colloquio, e da buona leader ha da subito coinvolto parte dei membri per condividere le informazioni sulla coltivazione e sull’utilizzo dell’Aloe Vera.
Lunedì 16 ottobre abbiamo portato 700 piante di Aloe, le donne della cooperativa si sono subito adoperate e ne hanno piantate 350 in una piccola parcella comunitaria, di 350 m2, le altre piante sono state distribuite alle donne che avevano espresso il desiderio di piantare alcune unità nel loro piccolo terreno familiare.


 
 
 

Ieri, 22 ottobre abbiamo acquistato tubi e ugelli per installare nel terreno comunitario la “drip irrigation”, ovvero irrigazione a goccia. Pensiamo di recarci a Mafraq in settimana per l’implementazione dell’attività.
Oltre a questa bella collaborazione, abbiamo potuto piantare circa 500 piante di Aloe Vera nella riserva faunistica di Shaumari, pochi chilometri oltre Azraq, città desertica che si trova sulla via dell’Iraq. Questo è stato possibile grazie alla collaborazione di RSCN (Royal Society for Conservation of Nature), un’istituzione simile alla nostra Forestale, parzialmente governativa, che ha accettato di buon grado l’idea di sperimentare la crescita di questa pianta “officinale”, d’interesse floristico, in un ambiente agro ecologico nettamente diverso dalla Valle del Giordano.
La ricerca di altri possibili bacini di beneficiari continua. La divulgazione dell’uso di questa pianta, aldilà delle quantità prodotte, è un passaggio fondamentale per l’introduzione della filiera nel paese. L’implicazione di cooperative ed associazioni locali, è la chiave per conferire all’azione una forte connotazione sociale, la stessa che ha indotto la stesura e la presentazione del progetto.


 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu